subscribe: Posts | Comments

Il virus della Legionella nei condizionatori

Commenti disabilitati su Il virus della Legionella nei condizionatori

Il virus della Legionella.

La legionella è uno dei principali problemi che affligge la Sanità Pubblica a livello mondiale. Si tratta di un batterio che si sviluppa in ristagni d’acqua, molto spesso prolifera sia all’aria aperta che in natura, ovviamente devono essere presenti delle vere e proprie stagnazioni. Il virus può trovare un habitat ospitale all’interno degli impianti sia domestici che industriali. Per poter sopravvivere la Legionella ha bisogno di nutrirsi di ioni di ferro, microrganismi e calcare, che si riscontrano per l’appunto nell’acqua. Un contagio umano può essere rappresentato dalle vie respiratorie che a seconda della gravità possono apportare alla morte dell’individuo.

Legionella: avviata sanificazione pozzi, filtri, acquedotti

Come prevenire la diffusione della Legionella.

Per combattere la proliferazione di questa malattia sono necessarie delle strategie di prevenzione, le quali devono riguardare una corretta realizzazione e progettazione dele reti idriche, allo scopo di evitare la contaminazione con legionella nei condizionatori e degli impianti di distribuzione dell’acqua e dei sistemi di condizionamento. Sarebbe importante ridurre la lunghezza delle tubazioni o comunque preferire dei sistemi istantanei per produrre acqua calda invece di utilizzare dei serbatoi che accumulano l’acqua.

Inoltre non bisogna dimenticare la manutenzione periodica degli impianti sia di condizionamento che di irrigazione dell’acqua, bisogna procedere con una pulizia completa.
Per poter contrastare la Legionella è possibile usare dei trattamenti di disinfezione, i quali hanno lo scopo di ridurre, limitare o eliminare del tutto la presenza di questo batterio. I metodi più efficaci sono senza ombra di dubbio i trattamenti chimici come l’uso dell’acqua ossigenata catalizzata, battericidi, clorazione ma vi sono anche altri trattamenti molto efficaci che sono quelli termici.

 

Gli impianti a rischio.

Per molti anni la Legionellosi è stata attribuita agli impianti di condizionamento, addirittura si pensava fosse l’unica modalità doi diffusione di tale patologia. In realtà non è cosi, sono a rischio tutti quegli impianti e processi tecnologici che favoriscono seppur moderato un riscaldamento dell’acqua e la sua successiva nebulizzazione. E’ qui che il batterio trova le sostanze nutritive ad esso necessario.

 

L’habitat della Legionella.

All’interno degli impianti, la Legionella può trovarsi ospite di protozoi o isolata:

  • ancorata a biofilm sottoforma di aggregati con altri batteri;
  • oppure libera nell’acqua. Proprio negli aggregati che il batterio trova il supporto necessario per poter crescere, svilupparsi e vivere.

 

I condensatori e la Legionella.

Lo scopo principale dei condizionatori è quello di diffondere calore nell’aria attraverso l’evaporazione dell’acqua. La legionella può trovare le condizioni ottimali per potersi sviluppare e diventare del tutto pericolosa. Tali condizioni sono senza ombra di dubbio:

  • l’elevata temperatura ( dai 30 ai 35 gradi centigradi)
  • Facile formazioni di film;
  • le rampe di polverizzazione producono aerosol
  • e non mancano le sostanze nutritive!

Per tal motivo è opportuno controllare e drenare periodicamente il sistema: almeno due volte all’anno; a fine stagione e all’inizio e prima del collaudo.