subscribe: Posts | Comments

Service Integration e Management: guida ai servizi per le aziende

Commenti disabilitati su Service Integration e Management: guida ai servizi per le aziende

Che cos’è la Service Integration And Management (SIAM)

La Service Integration and Management, rappresenta una modalità di gestione (Management) di servizi IT e di livelli di servizio, forniti da più realtà aziendali fornitrici al fine di erogarli tutti nell’ambito di una singola struttura IT aziendale. L’integrazione dei servizi ha il fine di ottenere una sinergia tra i vari layer indipendenti eterogenei allo scopo di erogare un unico servizio IT end-to-end che possa soddisfare quanto necessario all’interno dell’Azienda riguardo alle necessità dell’IT.

Service Integration And Management dunque si configura come una sorta di metodologia applicata ad un ambiente che è sostenuto da una pluralità di servizi offerti da svariate aziende fornitrici tutte accorpate a livello di management in un unica realtà:

I quattro canoni più comuni della Service Integration Management:

-Integrazioni di un servizio interno
-Integrazioni di un servizio esterno
-Integrazioni di un servizio ibrido

-Tra le aziende esterne, la presenza di un’azienda fornitrice leader che rappresenta l’integratore principale dei servizi sopra menzionati.

Le esigenze attuali del mercato dei servizi presentano la domanda di tecnologie che difficilmente sono erogabili da un’unica realtà. O meglio, nessuna azienda allo stato attuale, per dirla in parole povere, si fa tutto in casa. Vi sono diverse realtà fornitrici di tecnologia dietro un servizio erogato.

Il System Integrator Management dunque si servirà sempre di più di infrastrutture avanzata di tipo cloud in modo da raggruppare le varie applicazioni che impiegano detti servizi ma anche sempre più di spazi, all’interno dei cloud in grado di virtualizzare i server e i layer dei servizi forniti in modo da favorirne le sinergie sia in termini di efficacia di erogazione del servizio, sia in termini di storage dei dati dell’azienda, sia in termini di gestione delle varie piattaforme eterogee, tutte su un unico layer.

I vantaggi si presentano anche su un eventuale necessità di un’ambiente di disaster recovery speculare a quello di produzione. Un tipico esempio di società che in outsourcing offre e svolge attività di gestione dell’integrazione sui vari core business delle aziende è la SMI, tra i servizi anche quelli di service integration.

Generalmente, a integrazione ultimata, il cliente finale, che sia un servizio di Integration Management che è in outsourcing o interno all’azienda, avrà a disposizione una dashboard, il famigerato cruscotto, con gli indicatori dei livelli di servizio erogati, la possibilità di verificare i dati di tutti i servizi, fare il download dei propri dati per farne delle analisi, laddove non sia previsto che si integri anche il layer di business analisys.

Ovviamente, la dashboard sarà personalizzabile a seconda dei dati che sono più significativamente rilevanti; potrà essere multi-user: ad esempio, accesso come analista dati, fornirà statistiche su dati finanziari; accesso come utente manutentore, fornirà tutti i dati dove vi è stato un problema nell’erogazione del servizio al fine di migliorare e rendere più efficiente il livello che si tratti di utenze esterne o semplice help desk interno, destinatario del servizio. Le tipologie di integrazione che oggi sono più utilizzate sono:

Saas “Software-as-a-Service” sistemi e app tutti in un cruscotto a cui poter accedere tramite qualsiasi dispositivo, che sia un pc, mac, telefono, tab mediante un layer https o altro.

PaaS “Platform-as-a-Service” layer che ospitano i server online, mediante il quale un developer può effettuare la deliver di un prodotto che si tratti di un app nuova o d web services nuovi da fornire. In questo caso, l’integratore consentirà il deploy del prodotto ma solo mettendogli a disposizione gli strumenti propri della piattaforma a garanzia del sistema.

IaaS  “Infrastructure-as-a-Service”. Qui invece si tratta di server virtualizzati in cloud, ciascun erogatore di servizi può gestire i propri layer senza nessun problema riguardo l’ubicazione delle macchine.